Post in evidenza

Docufilm “Street Life” – Watch now

Docufilm “Street Life” – Watch now

With Flavor Chris

Giammarco Argenzio Creators

Music provided by Epidemic Sound

Docufilm “Street Life”

“Docufilm “Street Life” – Watch now”

When i was attending the art accademy

When I was attending the art academy, my theatre teacher told us a Japanese tale. It was a story about a young man who went alone up a mountain in order to meditate and understand why all the things sourrounding us, sooner or later, are intended to die. At the end of this tale, through many obstacles, the guy came to the conclusion that “if you want to engage to universal wisdom, there’s a price you need to be willing to pay. Only the one who is able to overcome fear of death, allows himself to live a happy existence”.

At that precise moment my journey as an artist began. I was 25 and had just left Italy for Paris. A few months earlier I had finally just graduated from high school and the only thing I cared about was dancing.

France

I arrived in France with the only purpose to study and grow as an artist. I couldn’t work because I didn’t have the right documents, my one and only option was the street. I remember that day vividly. I walked out of my I home, with my Hi-Fi hanging off my shoulder and started walking towards Montmatre. It was the January 13th, 2016, exactly two months after the brutal attack on the Bataclàn theatre.

As I approached the side of Montmatre church, I cranked the music while hiding my despair, I started dancing.

At the end of my performance I had earnt 7 euros and a handful of pennies. I was the happiest person on the planet. From that moment, I started dancing almost everywhere. I still didn’t have a real show to perform: I’d play some random songs while i began dancing and watched people’s reactions.

I even bought a beautiful and elegant black tuxedo, a bright red tie, blues-brothers look alike sunglasses and a black trilby hat.

Morality player

When I performed on the street, my idea was to play a character that didn’t actually represent who I am, but rather to show how society and Western culture perceive a man with brown skin.

And I wanted to do it in a bold, ironic and almost grotesque way. With this in mind, after looking long and hard, I found “O Sarracino”, written by Renato Carosone and Nicola Salerno (both Neapolitan composers), a song that expresses the concept of the “white gaze”.

I discovered that the authors’ intention was basically to represent the landing of a captivating “Saracene” who drives all the ladies crazy.

“Perfect” – I thought to myself – “This is just the song I was looking for”.

While performing it, I gained a lot of confidence and over time my self-esteem grew.

It was an incredible experience for me, as I was able to support myself financially without anybody’s help.

For somebody who had never really believed in his skills, well, it became. huge.

At the end of each performance, I’d see people were happier, after a long day they were looking for a distraction or something different.. This made me feel better and others too.

Message

Looking back, I learnt that the best message you can share with people around you is: “everyone has the chance to grab their own dream. What’s really important is to gain the confidence and take action with one’s own way of thinking, and to never give up.”

No doubt my way of thinking has been influenced by Nichiren Daishonin’s Buddhism. What always struck me was the fact that there’s no difference between Buddha and anybody else, we are all able to live our lives with joy. As a matter of fact any single living being has the inner potential to face toughness and difficulties that crosses their path.

Naples

I recall a particular moment as if it just happened an hour ago. I was standing in Rue Montorgueil, walking around the tables after my show, saying my usual “If you liked the show, put some bucks in the hat, otherwise a smile always works!. Da Napoli, la mozzarella, quella buona!

Mocking a very strong, but not completely accurate southern Italian accent.

That night was different…a guy from Naples came up to me, he was pissed off, and instead of giving me a coin he asked with a harsh tone: “Hey kid, have you ever been to Naples?”

I was shocked. I had never been to that beautiful city! So after having rolled around Europe, I decided to buy a ticket to Naples. It was one of the wisest choice I ever made. There, I learned the importance of talking about pain, even a loss, with irony. It’s a signature of the people raised in that part of the “boot”. Laughing and making fun even when tragedies occur.

This, in my opinion, means being intelligent.

Napoli is a very welcoming city and people living here are even more special. I need to thank all of them, for all the love and the affection they showed me.

Mentions

besides all the people who supported me here, I of course need to mention others who are not here. First of all my Mom and my former theatre teacher, Mbango Beer who convinced me to tap dance on stage my very first time. I thank Steve Zee – my first tap dance teacher; thanks to Guendalina Moraldi, Astrid, Ayoub and Vito – my roommates in Paris, who witnessed thefirst steps of my career, and shared the joy and sadness. Thanks to Sonia, who hosted me when I was in Nice, France. Thanks to my Brutal Force Crew, with whom I started dancing in Milan. Thanks to all the people who stopped by during my shows, who watched me and left either a coin or simply few words of encouragement.

Focus

When you are self taught, it’s hard. It’s hard to learn, to avoid mistakes and it’s even harder to achieve good results. Therefore it’s difficult to always guarantee the best performance. That’s my drawback: I’m totally anti-academic. On the other hand, do you know what the advantageis? When you are alone, with nobody teaching or supporting you, you need to always believe in yourself and in what you’re doing. This make you always focus on what is really important and helps put aside what is not.

This is why i feel way luckier than those spending their lives in that ivory tower.

When I find myself on that strip of land there’s only me and the audience.

You can bet on it, legs were trembling since for so long and your heart, you know, will sure be beating like a hammer. In that moment, you know in your gut, that the idea of failure is not even a possibility. Each one of them is there, standing and staring at you, waiting for you to make the first move. They are ready to pass you by if they feel you’ve failed or they are so willing to clap if you were able to impress them.

At the end of the show, having accomplished your goal, you feel something growing inside and that’s uncompareable freedom. I think that there’s nothing in the world I’d trade for it.

Before i begin, I always put a dollar in my hat for good luck (you may not believe it but passers by always wonder who put that specific dollar in there); whenever i finish, i love playing some classical music track, take in the view and the people, observing them i gamble with my self betting on where they are going.

Direction

I don’t know how in which direction this story might push itself. I ‘ve come to the point where I either need to earn money with my art to pay my bills or change carreers.

Anyway, i don’t have any regrets. I made my conscious choices and the only thing i can do now is face my future with faith and optimism, and work my tail off to make today a better day than yesterday.

If you enjoyed “Docufilm “Street Life” – Watch now”, can you share it and/or drop a comment?

https://vimeo.com/423571076

https://flavorchris.wordpress.com/2020/05/07/lemozione-in-un-click-una-donazione-a-sostegno-dellarte/

Post in evidenza

Ep. 020 – Casa Surace: un pomeriggio nella factory

Casa Surace: un pomeriggio nella factory

14 gennaio 2020

di Flavor chris

In questa intervista ho avuto l’occasione di incontrare Alessio, uno dei fondatori di Casa Surace.

Casa Surace, per chi non lo sapesse, è una factory e casa di produzione che nasce nel 2015 da un’idea di un gruppo di amici. Dei ragazzi comuni, dunque, che oltre a condividere una casa, condivideva anche una grande passione.

Nel corso degli anni, la casa di produzione ha avuto modo di crescere. Oggi giorno sono numerosissime le persone che seguono sul web i ragazzi di Casa Surace.

Un pomeriggio con Alessio

Alessio ci ha raccontato quali sono i principi della factory. La casa di produzione ha l’intento di: valorizzare la cultura del Sud Italia e raccontare la vita degli studenti fuori sede. Il tutto viene elaborato magistralmente e riproposto sotto forma di sketch e video divertenti che hanno permesso di far crescere una grandissima comunità virtuale.

A mio riguardo, il senso di appartenenza all’interno del gruppo, è un elemento insolubile e resistente: esso permette ai membri di identificarsi nell’altro, di crescere. Il team ha la capacità di fornire nuove forme espressive utili per realizzare nuovi progetti.

Alessio, inoltre, ci ha raccontato come nasce il lavoro di Casa Surace e come si è sviluppato nel tempo.

Al centro della conversazione ci sono stati in nuovi linguaggi comunicativi della rete. Assieme all’ospite abbiamo cercato di cogliere quali sono gli aspetti più significativi del web.

Definitivamente un podcast insolito, intrigante ed avvincente (anche perché Alessio è una persona molto umile e disponibile); tuttavia non voglio aggiungere altro. Il podcast, senza dubbio, è molto più eloquente.

Per acquistare il libro di Casa Surace “Quest’anno non scendo” fai click qui

Se ti è piaciuto “Casa Surace: un pomeriggio nella factory”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?

Segui i ragazzi di Casa Surace anche su Facebook: https://www.facebook.com/casasurace/

Potrebbe interessarti anche: https://flavorchris.wordpress.com/2019/09/25/interview-002-intervista-ai-ragazzi-dellaccademia-di-belle-arti-di-napoli/

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale sull’Iran

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale sull’Iran

Giovedì 26 novembre 2020

Di Flavor Chris

Tempo di lettura ‘2

“Secondo te perché il regime ha deciso di percorre le strade che conducono alla violenza?” domando alla mia interlocutrice dopo una breve pausa.

“Perché non ha altra scelta” mi confessa lei, e con tono reciso aggiunge “se il governo dovesse smettere di adottare una politica repressiva, anche solo per ventiquattro ore, di certo, perderebbe il suo potere”.

Super giù è così che ha avuto inizio la mia conversazione con S. A., una ragazza italiana di origini iraniane, che mi ha contattato telefonicamente, una fredda e pungente notte di novembre. Ma qual è stato lo scopo del nostro incontro?

La risposta è semplice: informare le persone e “proteggere l’Europa dal terrorismo di Stato del regime iraniano”.

L’Iran, che è una repubblica islamica, presidenziale e teocratica, difatti, già da tempo è teatro di scontri fra il governo e l’opposizione.

Come testimoniano anche i recenti fatti di cronaca, sul territorio iraniano, chiunque sente o pensa in maniera differente al regime viene condannato e punito. Celebre è il caso di Navid Afkari, condannato a morte dalle autorità iraniane dopo aver partecipato a delle proteste antigovernative, nel 2018.

Tuttavia, come è stato già anticipato, oltre che ai conflitti interni al paese, “risultano preoccupanti anche le azioni terroristiche del regime iraniano in Europa”.

L’ultima relazione annuale dell’Intelligence Service federale tedesco, del luglio 2020, riporta la seguente dichiarazione: “Un diplomatico in servizio all’ambasciata iraniana a Vienna, il terzo segretario Assadollah Assadi, è stato arrestato il 1° luglio 2018, in Germania in seguito a un mandato d’arresto europeo spiccato dalle autorità giudiziarie belghe. Assadollah Assadi, in pieno servizio presso il Ministero delle Informazioni, è accusato di essere stato il coordinatore di un tentativo di attacco con esplosivi al raduno annuale dei Mojahedin del Popolo a Parigi che ha avuto luogo il 30 giugno 2018”.

Il 27 novembre 2020 Assadollah Assadi sarà messo sotto processo.

Un avvenimento importante questo, poiché il segretario Assadollah Assadi risulterà tra i primi diplomatici iraniani ad essere processati con l’accusa di terrorismo in Europa.

Come spiega in modo impeccabile S. “l’obiettivo di Assadollah Assadi era chiaro: oltre che a molti innocenti (tra cui sardi di origini iraniane), egli voleva colpire Maryam Rajavi, leader dell’organizzazione anti-teocratica dei Mojahedin del Popolo Iraniano (Mojahedin-e Khalq). Una figura di spicco nel panorama politico iraniano; basti pensare che già nel 1993 Consiglio nazionale della resistenza iraniana l’aveva eletta come futuro presidente della repubblica per il periodo transitorio dopo la caduta dei mullah”.

È evidente, dunque, che il regime, per effetto di manovre errate e miserabili, sta perdendo consenso tra la popolazione civile, che è in rivolta da diversi anni; ed è anche per questo che ostenta il proprio potere attraverso la violenza, minacciando, per altro, il rispetto dei diritti umani.

“Cosa si può fare allo stato presente delle cose?” bisbiglio con voce lieve, alla fine della conversazione con S., pensando al contempo alle minacce di Assadollah Assadi, in cui affermava alla polizia belga che un verdetto contro di lui avrebbe portato ad una possibile “vendetta”.

“Noi crediamo che la di là del corso giudiziario sia giunta l’ora di affrontare il terrorismo di Stato del regime iraniano” incalza lei

“Per questo chiediamo:

Punto primo, che le relazioni con l’Iran siano condizionate alla garanzia che sarà posta fine alle sue azioni terroristiche in Europa; punto secondo, vista la copertura diplomatica del regime per obiettivi terroristici, si prendano i provvedimenti necessari, come ammonimenti, espulsioni di ambasciatori e altri diplomatici e perfino chiusura delle ambasciate nei Paesi europei; punto terzo, in attuazione della Dichiarazione del Consiglio dell’Unione Europea del 29 aprile 1997, gli agenti iraniani dell’intelligence con copertura diplomatica, giornalistica, economica eccetera devono essere espulsi e i centri con copertura religiosa o culturale in servizio al terrorismo che diffondono l’integralismo devono essere chiusi.”

Se ti è piaciuto “Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale sull’Iran”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?


Napoli 23 ottobre 2020: Protesta, Rivolta o Sommossa?

Napoli 23 ottobre 2020: Protesta, Rivolta o Sommossa?

Sabato 24 Ottobre 2020

Di Flavor Chris

Cosa accade quando non si rispettano i diritti altrui e si nega ciò che è dovuto secondo la ragione e la legge?

A questo proposito, i recenti fatti di cronaca ci danno una risposta più che eloquente.

Nel pomeriggio di venerdì 23 ottobre 2020, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha chiesto al governo un lockdown nazionale; inoltre ha comunicato ai cittadini che << procederemo nella direzione della chiusura di tutto, per i dati dei contagi che abbiamo non basta l’ordinanza che entra in vigore oggi. Dobbiamo chiudere tutto e dobbiamo decidere oggi, non domani. Siamo ad un passo dalla tragedia.>>

Nel discorso pubblico di Vincenzo De Luca, però, non c’è stata nessuna dichiarazione esplicita volta a tutelare l’interesse economico e psicofisico della popolazione. Così, immediata è stata la risposta dei cittadini napoletani, che lo stesso giorno si sono organizzati per protestare contro le misure restrittive adottare dal presidente della regione.

La sera di vi venerdì 23 ottobre, prima notte di coprifuoco, difatti, un nutrito gruppo di persone si è radunato davanti alla sede della Regione Campania. I manifestanti erano lì per affermare il riconoscimento di diritti (prettamente economici) ingiustamente negati; tuttavia la rivendicazione si è trasformata in un vero e proprio atto di violenza fisica nei confronti di giornalisti e poliziotti. E di punto in bianco ci si è ritrovati ad un passo dal baratro.

Non siamo qui per entrare nel merito della questione, bensì per chiederci: qual è l’origine di questo malcontento che serpeggia tra la popolazione?

Per poter rispondere a questa domanda dovremmo riuscire a distinguere tra la protesta, la rivolta e la sommossa.

La prima è una manifestazione ferma della propria disapprovazione; la seconda è un’azione improvvisa che ha lo scopo di rivoltarsi contro l’ordine e il potere costituito; la terza è una sollevazione popolare contro il governo o le autorità costituite.

Apparentemente potrebbero sembrare sinonimi ma non lo sono. E mi spiego.

La protesta e la rivolta, che sostengono degli ideali, propongono nuovi scenari possibili e tendono a difendere gli oppressi dalla tirannia degli oppressi; mentre la sommossa, che come una bestia procede per istinto, nega qualsiasi soluzione alternativa, e “come un fuoco di paglia”, brucia per poi dissolversi nel nulla.

Detto ciò si può affermare che quella di venerdì 23 ottobre era una vera e propria sommossa, sebbene tra i manifestanti ci fossero persone ragionevoli e pacifiche.

Effettuare un’accurata analisi, dunque, è necessario se si vuole meglio comprendere la realtà dei fatti. Partendo da qui ci si può chiedere “cosa si può fare?”; risposta “non di certo una sommossa”.

Una sommossa nasce da una necessità, da una sofferenza, una rabbia inespressa, dalla miseria, dal dolore che non si trasforma ma resta tale, per comodità.

La soluzione, invece, sembra apparentemente semplice e scontata, ma non lo è.

Per costruire una società solida, il compito dei cittadini è quello di assumersi la propria responsabilità, mentre quello delle istituzioni è quello dialogo con la popolazione, per agire con prontezza ogni volta che è necessario.

Da ambo le parti ci deve essere fiducia reciproca, e non sospetto. In poche parole, per costruire una società in cui regnano parità di diritti, fratellanza e libertà, ci vuole fede.

Se ti è piaciuto “Napoli 23 ottobre 2020: Protesta, Rivolta o Sommossa?”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?

potrebbe intressarti anche: https://flavorchris.wordpress.com/2020/10/22/nemesi-speciale-aboubakar-soumahoro/

Photo: https://www.canva.com/photos/MAEJUB1Jsh8-anonymous-people-standing-on-street-among-smoke-during-protests-at-night/

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale Aboubakar Soumahoro

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale Aboubakar Soumahoro

Giovedì 22 ottobre 2020

di Flavor chris

Di che cosa ha bisogno l’umanità?

In questo preciso momento storico molte persone se lo stanno chiedendo (o se lo sono chiesti); tuttavia sono in pochi a riuscire a rispondere in modo esaustivo. Discutere di argomenti così delicati, in un certo senso, significa fare filosofia e politica al tempo stesso. E non è detto che tutti hanno gli strumenti per poterlo fare, poiché ci si addentra in un terreno scivoloso, in cui, per altro, è molto facile perdersi.

Detto questo, però, bisogna riconoscere che esistono dei modelli a cui si può far riferimento, come ad esempio la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948.

Se ci si chiede per l’appunto ‘di che cosa ha bisogno l’umanità’, il documento appena citato fa luce sul quesito che è stato posto.

Nella prefazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, difatti, si legge:

“… considerato che il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità, e che l’avvento di un mondo in cui gli esseri umani godano della libertà di parola e di credo e della libertà dal timore e dal bisogno è stata proclamato come la più alta aspirazione dell’uomo;

L’assemblea Generale

Proclama

La presente dichiarazione universale dei diritti umani come ideale da raggiungersi da tutti i popoli e da tutte le Nazioni, al fine che ogni individuo ed ogni organo della società, avendo costantemente presente questa Dichiarazione, si sforzi di promuovere, con l’insegnamento e l’educazione, il rispetto di questi diritti e di queste libertà…”.

In sintesi, un ideale utopico.

Ma l’utopia necessita una trasformazione, se non vuole essere fine a sé stessa. A questo proposito è doveroso soffermarsi a parlare della storia del sindacalista ivoriano Aboubakar Soumahoro, che attraverso il suo impegno ha concretizzato un sogno.

Originario di Bétroulilié, Aboubakar è arrivato in Italia all’età di diciannove anni. Nel primo periodo, in Campania, per sostentarsi ha lavorato nelle campagne come bracciante; dopodiché, con molto coraggio si è iscritto alla facoltà di Sociologia all’Università Federico II di Napoli, dove successivamente si è laureato a pieni voti assoluti.

La lotta di Aboubakar

Da qui ha inizio una lotta senza frontiere: Aboubakar diventa sindacalista del Coordinamento Agricolo dell’Unione Sindacale di Base e si batte contro il reclutamento di manodopera non qualificata, che, soprattutto nel settore ortofrutticolo, sfrutta illegalmente gli immigrati clandestini.

L’appello alle istituzioni

A seguito dell’uccisione del bracciante Soumalia Sacko, per poter raggiungere il proprio scopo, che altro non era che lo scopo della collettività, Aboubakar ha rivolto un appello al Governo Conte e da esso ha ottenuto la creazione del Tavolo operativo di contrasto al caporalato e allo sfruttamento agricolo.

Ad oggi, si susseguono diverse iniziative promosse da Aboubakar, iniziative che hanno l’obiettivo di promuovere il rispetto dei diritti e della libertà individuale e collettiva.

Queste decisioni coscienti e responsabili (talvolta anche rischiose),bisogna dirlo, altro non sono che degli impulsi: essi ci suggeriscono quali possono essere le soluzioni possibili per l’umanità.

Una società, dunque, in cui gli esseri umani non sono un mero ingranaggio del regime capitalista, bensì degli esseri pensanti capaci di formulare un assetto politico, sociale, religioso che non trova riscontro nella realtà ma che viene proposto come ideale e come modello.

Se ci si sofferma a chiedersi ‘di cosa ha bisogno l’umanità?’, la risposta, forse, allora dovrebbe essere ‘di persone coraggiose come Aboubakar Soumahoro’.

Se ti è piaciuto “Nemesi: speciale Aboubakar Soumahoro”, puoi lasciare un commentoo e/o condividerlo?

Se ti è piaciuto “Nemesi: speciale Aboubakar Soumahoro”, potrebbe intressarti anche: https://flavorchris.wordpress.com/2020/09/24/nemesi-speciale-franca-viola/

Nemesi – la Rubrica dei Diritti è un progetto pormosso da Flavor Chris e Grazia Scano. Segui Grazia Scano su: https://www.inbilnostroblog.com/nemesi-la-rubrica-dei-diritti

Photo: https://www.canva.com/photos/MAEKCjtwAG4-we-demand-justice-inscription-in-frame/

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale Amin Hataman

Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale Amin Hataman

giovedì 1 ottobre 2020

di Grazia scano

É questo il mondo in cui vorremmo far crescere i nostri bambini?

Alla terra rimangono 7 anni di vita. Il conto alla rovescia é iniziato. Il Climate Clock é stato installato sulla parete del grattacielo Metronome, a Union Square, New York. E ogni giorno ci ricorderà quanto tempo rimane al nostro pianeta.Abbiamo tristemente inquinato il nostro pianeta.

Sono migliaia le speci animali in via d’estinzione. Siamo totalmente sommersi dalla plastica. Possiamo fare qualcosa per tardare il countdown? E riparare ai nostri errori? Ma soprattutto, ognuno di noi può realmente fare qualcosa per cambiare le sorti del pianeta? Secondo Amin Hataman sì. Amin a 14 anni ha realizzato la nata de coco, un prodotto gelatinoso ottenuto dalla fermentazione dell’acqua di cocco che essendo ricca di cellulosa sostituisce perfettamente la plastica. A differenza della plastica però, é biodegradabile, ovvero in grado di disintegrarsi naturalmente. L’idea di Amin rappresenta un grande passo avanti per diminuire il consumo della plastica, quindi per liberare il nostro pianeta da questo materiale così inquinante e nocivo. Ma non necessariamente dobbiamo trovare nuove grandi idee per evitare l’utilizzo della plastica. Basterebbe cambiare o meglio, migliorare le nostre abitudini.Come? Ce lo spiega Cristina:

“Rispetto l’ambiente. Il pianeta é tutto ciò che abbiamo. Se non lo trattiamo bene cosa ci rimane?

Non credo di fare cose esorbitanti. Cerco solo di vivere senza sprecare ed inquinare. Esistono davvero tanti modi per farlo. Se ognuno di noi nel nostro piccolo facesse qualcosa, potremmo riuscire a salvare la terra.

Non utilizzo i cotton fioc in plastica, ho imparato ad acquistare quelli biodegradabili. Lo spazzolino é in bambù. Evito di comprare piatti e bicchieri di plastica. Nei supermercati mi presento già con la mia borsa in tela. Nessuna busta di plastica. Niente assorbenti, uso la coppetta. É economica e soprattutto non inquina. Ora sto pensando di acquistare i salva slip lavabili. Invece della bottiglietta di plastica ho acquistato un termostato in acciaio. É decisamente più utile e comodo. Sono davvero tanti i modi in cui ognuno di noi potrebbe contribuire per ripulire lo sporco che abbiamo fatto. Basterebbe anche solo fare un’adeguata e corretta raccolta indifferenziata.”

Il conto alla rovescia é iniziato ma noi potremmo fermarlo. Basta poco, no?

Se ti è piaciuto “Nemesi – la rubrica dei diritti: speciale Amin Hataman”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?

Potrebbe interessarti anche: https://flavorchris.wordpress.com/2020/09/24/nemesi-speciale-franca-viola/

Segui Grazia Scano su: https://www.inbilnostroblog.com/nemesi-la-rubrica-dei-diritti

Nemesi: speciale Franca Viola

Nemesi: speciale Franca Viola

giovedì 24 settembre 2020

di Michela Sellitto

Che cosa è l’amarezza?

Molte donne lo sanno. Si insinua nel loro profondo e a volte riaffiora. Non sempre c’è un motivo. Basta uno sguardo, una parola e la mente riporta alla memoria quei momenti duri che hanno lasciato in loro un segno.

La violenza sulle donne è un fenomeno ormai riconosciuto anche se ancora sommerso. I numeri e le forme degli abusi sono elevatissimi, ma le condanne non sono quasi mai adeguate alle molestie subite. Molte sono ancora coloro che preferiscono non parlare, per paura di incomprensione, ritorsioni, o sensi di colpa. Ciò che queste donne portano ogni giorno con sé non è sofferenza, ma un’indelebile amarezza per gli eventi subiti o che continuano a subire.Negli ultimi anni, però, molte donne hanno iniziato a prendere coscienza di loro stesse e hanno deciso di far sentire la propria voce, proprio come nel lontano 1966 fece Franca Viola.Le donne non si vogliono più sentire delle vittime sottomesse a un sistema maschilista, ma hanno cominciato a essere testimoni di loro stesse, non per ottenere compassione ma per dimostrare di essere portavoce di verità e diritti.

In Italia solo dal 1996 lo stupro è stato riconosciuto da reato “contro la morale” come un reato “contro la persona”.Precedentemente nel codice penale italiano l’articolo 544 con riferimento al reato di stupro prevedeva che:

«Per i delitti preveduti dal capo primo e dall’articolo 530, il matrimonio, che l’autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato, anche riguardo a coloro che sono concorsi nel reato medesimo; e, se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali».

Una persona colpevole di stupro aveva quindi possibilità di evitare una condanna con un matrimonio riparatore, mentre la vittima era costretta a concedersi al suo carnefice.

Questo doveva essere il destino anche di Franca Viola, rapita dal suo ex fidanzato Filippo Melodia. La giovane, allora solo sedicenne, fu stuprata, picchiata e tenuta segregata per otto giorni. Melodia contava nell’approvazione della famiglia al matrimonio per evitare il carcere e continuare nelle sue sevizie. Erano gli anni ’60 e l’Italia non si aspettava quel NO fiero, detto a gran voce e con orgoglio. Meglio essere additata come “donna svergognata” che moglie del suo carnefice. Un caso che risuonò per tutta la nazione quello di Franca Viola, la donna che per prima ha rifiutato quello che veniva definito il “matrimonio riparatore”. “Non ho mai avuto paura, non ho mai camminato voltandomi indietro a guardarmi le spalle. È una grazia vera, perché se non hai paura di morire muori una volta sola.” Franca Viola

Se ti è piaciuto “Nemesi: speciale Franca Viola”, potresti lasciare un commento e/o condividerlo?

Potrebbe interessarti anche: https://www.inbilnostroblog.com/nemesi-la-rubrica-dei-diritti

Oppure: https://flavorchris.wordpress.com/2020/09/10/nemesi-la-rubrica-dei-diritti-introduzione-a-cura-di-flavor-chris/

Nemesi: la rubrica dei diritti introduzione a cura di Flavor Chris

Nemesi: la rubrica dei diritti – introduzione a cura di Flavor Chris

giovedì 10 settembre 2020

Da un’idea di Grazia Scano e Christian Turay (in arte Flavor Chris), nasce “Nemesi”.

La rubrica dei diritti si prefigge lo scopo di narrare le vicende umane con carattere di ineluttabile fatalità. Ma, attenzione, non bisogna pensare che gli individui, o il gruppo di individui, di cui ci si parla nei racconti siano da considerare sfortunati o “vittime del sistema”, tutt’altro.

Gli autori prendono in considerazione alcuni casi particolari, eventi, o serie di fatti ed eventi, per far luce sulle disuguaglianze sociali, per renderle note al pubblico, criticarle e restituire una narrazione in cui gli oppressi, sopraffatti dagli oppressori, riescono finalmente a liberarsi dalla morsa dell’oppressione.

Si potrebbe dire dunque che la rubrica è una sorta di personificazione della giustizia, che però non reclama vendetta, come accade di consuetudine nella mitologia greca, bensì, allo scopo di far valere la Giustizia, induce le persone a riconoscere la realtà di un fatto, la giustezza, la fondatezza di un dato stato di cose.

Alla luce dei delittuosi fatti di cronaca, citando la Dichiarazione dei Diritti Umani proclamati dalle Nazioni Unite, dunque, è doveroso ricordarci, e ricordare, che “tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.

A questo proposito i due blogger, attraverso la divulgazione di testi scritti e materiale multimediale, quindi, si impegnano a presentare il proprio lavoro in una forma facile e progressiva, socialmente utile per coloro che pubblicano e per il pubblico.

Se ti è piuaciuto “Nemesi: la rubrica dei diritti”, puoi lasciare un commento e/o condividerlo?

Segui Grazia Scano anche su: https://www.inbilnostroblog.com/?fbclid=IwAR1CqPsHzbpTqdXRZwherDuR86V4eoc2R8p0knfZy-F8p9OCkLioNip12Bg

oppure: https://flavorchris.wordpress.com/2020/08/20/essere-gay-in-italia/

Potete seguirci anche su Facebook ed Instagram.

Zia Tittinella: quella che ha subito la guerra

Zia Tittinella: quella che ha subito la guerra

8 settembre 2020

di Flavor Chris

Era il 3 settembre del 1943 quando l’Italia proclamò la resa incondizionata agli Alleati. Un’avvenimento unico e singolare nel suo caso, che suscita stupore e in molti casi sdegno.

Da quel giorno l’Italia non solo accetta di arrendersi al nemico, ma adotta una politica di disimpegno nei confronti della Germania nazista.

L’8 sttembre del 1943, alle ore 18 e 30, il generale Pietro Badoglio trasmette via radio il seguente proclama:

«Il governo italiano, riconosciuta l’impossibilità di continuare la impari lotta contro la soverchiante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla Nazione, ha chiesto un armistizio al generale Eisenower, comandante in capo delle forze alleate anglo-americane.

La richiesta è stata accolta.

Conseguentemente, ogni atto di ostilità contro le forze anglo-americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo.

Esse però reagiranno ad eventuali attacchi da qualsiasi altra provenienza.»

Il 9 settembre del 1943, nel corso della campagna d’Italia, la 5a armata statunitense del generale Mark Clark sbarca a Salerno con l’intento di conquistare Napoli ed il suo porto, che permetterà successivamente di rifornire le truppe allleate impegnate sul fronte italiano.

Il quattro ottobre, il<<Risorgimento>>, l’unica testata ad essere autorizzata dagli Alleati, scrive:

<<Il primo ottobre, alle 7.35, proveniente da Portici, una unità di ricognizione britannica faceva ingresso nella città di Napoli>>

E fu così che i napoletani, esasperati dalla guerra, accolsero gioiosamente gli Alleati, che entravano trionfanti nella città, ormai ridotta ad un cumulo di macerie a seguito dei numerosissimi bombardamenti.

In questo episodio “Zia Tittinella: quella che ha subito la guerra”, ho avuto la fortuna di incontrare una sopravvissuta alla guerra. Ella, nella registrazione, ci racconta la sua personale esperienza e la sua visione del mondo, lasciandoci così uno dei doni più preziosi che si possano ricevere: la memoria storica.

Se ti è piaciuto “Zia Tittinella: quella che ha subito la guerra” puoi anche seguire: https://flavorchris.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=2620&action=edit

Seguimi anche sulla pagina Instagram: https://www.instagram.com/flavorchris/?hl=it

Non solo rap: intervista a Lucariello

Non solo rap: intervista a Lucariello

Come noi tutti sappiamo, il rap è un genere musicale nato negli anni ’80 del Novecento nei quartieri neri di New York, caratterizzato da canzoni con un ritmo molto pronunciato, e con testi di tono colloquiale, spesso di contenuto politico, che vengono cantati in una sorta di recitativo.

Nel corso degli anni, questa forma d’arte si è diffusa largamente nel mondo poiché è accessibile, facile e di immediata comprensione.

Si può affermare, dunque, che il rap (e l’hip hop in generale), oggigiorno, sia un movimento mainstream; tuttavia è più che necessario ricordare ai cari lettori che l’hip hop si è rinnovato e si è adeguato in base ai tempi. Non è mia intenzione dilungarmi molto sulla “riforma dell’hip hop”. In questo articolo vorrei soffermarmi sul caso particolare di un rapper storico napoletano che porta il nome di Lucariello.

Sin dai primi anni d’infanzia, Luca si diletta a fare rime sulle canzoni ascoltate in radio; dopodiché, all’età di sedici anni, con il nickname di Lucariello, inizia ad esibirsi come rapper nei locali e nei centri sociali. Qualche anno più tardi, l’artista fonda il gruppo “clan Vesuvio”.

A quel punto per il rapper si susseguono vari successi: importanti collaborazioni con vari artisti, incisioni di nuovi dischi ed apparizioni televisive. Ma per Lucariello non è tutto.

Durante l’esperienza come educatore nelle carceri, l’artista capisce che, attraverso un metodo non violento, bisogna effettuare una modifica sostanziale allo stato di cose.

Gli incontri ravvicinati con i carcerati, difatti, gli mostrano una realtà cruda, la realtà di alcuni ragazzi che hanno commesso reati, privi di un’adeguata educazione ed abbandonati dalle istituzioni, oltre che dalle loro famiglie.

Per risolvere le problematiche sociali, dunque, per Lucariello diventa così necessario intervenire in prima persona laddove il governo decide, e quindi presentare la propria candidatura alle elezioni della regione Campania.

Tenendo conto che il rap, nei suoi connotati positivi, sensibilizza le coscienze, educa e talvolta corregge il comportamento, la decisione presa dall’artista non dovrebbe sorprendere. Al contrario dovremmo chiederci: quanti artisti nel mondo prenderebbero una decisione simile?

Detto questo, di certo, la questione della “riforma dell’hip hop” è sempre aperta. Inoltre torna sempre più ricorrente la domanda: perché non mettere insieme l’hip hop e l’impegno politico in modo che formino un tutt’uno? “Perché non trasformare la stanza dei bottoni in un cypher un luogo in cui si possa fare una chiacchierata franca ed esplicita?

Se ti è piaciuto “Non solo rap: intervista a Lucariello” lascia un commento e/o condividilo:

Se ti è piaciuto “Non solo rap: intervista a Lucariello”, potrebbe interessarti: https://flavorchris.wordpress.com/2019/11/05/interview-008-lhip-hop-a-saronno-dai-tempi-dei-cerchi-in-piazza-intervista-a-musteeno/

Segui Lucariello su Instagram: https://www.instagram.com/thereallucariello/?hl=it

Essere gay in italia

22 agosto 2020

di Grazia Scano

Tempo di lettura 1′ 30

Vivere in un paese in cui i gay non sono ancora accettati. In un paese che non riconosce i diritti inviolabili, basilari che tutti gli individui dovrebbero possedere fin dalla nascita. Una società che antepone la discriminazione all’amore. Una società che non ti fa scegliere chi essere, chi amare. A voi non fa paura tutto questo? Non vi preoccupa?

I Gay Pride dovrebbero rappresentare una manifestazione per i diritti umani. “Ma questo è un circo con scimmie nude che si strusciano!”

Una manifestazione con lo solo scopo di sensibilizzare il tema dell’omosessualità, ma che il più delle volte la rivendicazione di questi diritti passa in secondo piano. Le persone vedono solo le solite checche vestite da donna o da trans. Svestitevi di stereotipi e pregiudizi. Usate il Gay Pride come denuncia sociale. Qualcosa su cui riflettere, rappresentando la realtà. Io l’ho sempre immaginato con una bara arcobaleno, niente musica, solo persone vestite di nero imbavagliate e incatenate. Perché è così che in Italia vivono i gay. Reclusi, emarginati. 

Ma non è solo la società che deve cambiare. Anche i gay devono cambiare la loro visione del mondo. Smettere di buttarsi giù. Smettere di farsi assalire dal solito, inutile vittimismo. Bisogna reagire, lottare e combattere per questi diritti. Considerarsi UGUALI, non definirsi diversi e non comportarsi da tali. Frequentare discoteche esclusive per soli gay, è come omologarsi, è come isolarsi dal mondo. E’ dare ragione alla società.

Io non sono gay. Non ho mai dovuto rinnegare me stessa, nascondermi o vergognarmi. La società mi ha sempre accettata. 

E se ti nascesse un figlio gay, cosa fare? Rinnegarlo? Faro vivere con la consapevolezza che i suoi diritti oltre ad essere negati sarebbero anche calpestati? Dovresti lottare con lui mano nella mano, e insegnargli che non esiste diversità. Dargli la forza necessaria per sconfiggere l’ignoranza, la sicurezza necessaria per essere sé stesso, senza doversi vergognare mai.

Al mondo siamo tutti uguali, neri, bianchi, gialli, verdi, gay, cristiani, musulmani.

E ci saranno sempre tante cattiverie, tristezze da parte di persone ignoranti che vogliono convincerti che tu sia strano. Non per questo tu devi farti sconfiggere, arrenderti all’ignoranza. Non bisogna mai dar retta alle persone che parlano tanto di amore senza coglierne il vero significato. Perché l’amore non conosce limiti, non conosce sesso.

“Essere gay in italia”

“Essere gay in italia” https://flavorchris.wordpress.com/2020/07/29/cose-lineguaglianza-ne-parliamo-con-brave-girls/

Foto di Ketut Subiyanto

Non è amore

Non é amore

Di Grazia Scano

Tempo di lettura: 2 min

Non è amore se prima non amiamo noi stessi.

Ho sempre creduto nell’amore, sono sempre stata innamorata dell’idea dell’amore. L’ho sempre cercato e a volte sono arrivata a giustificare le peggior cose pur di averlo. Ma questo non è amore. Non esistono giustificazioni a chi ti fa del male. Non ti ama troppo. Chi ama ti ama e basta. Non usa violenza, si limita ad amarti, a volerti bene, a proteggerti.

Per troppo tempo ho preferito lui a me. Per troppo tempo mi sono dimenticata di me.

Era la persona della mia vita. Una persona meravigliosa.

Poi per qualche strano motivo diventò bugiarda, violenta. Mi ha distrutto la vita. Si complicò con la droga, con il gioco d’azzardo.

Ma la colpa era la mia. Lui si rifugiava in questo.

Inizialmente non hai paura. Ti auto-convinci che passerà e poi, ti abitui.

Iniziò con la violenza psicologica. Screditava la mia famiglia, diceva che volessero separarmi da lui. Mi ha messo contro la mia famiglia. Mi ha messo contro i miei amici, non erano adeguati per me. Screditava me ed il mio fisico, diceva che a lui non piacevo e non sarei piaciuta a nessuno. Mai. Non mi apprezzava, ed io apprezzavo me sempre meno.

All’inizio non gli dai importanza, ti umilia e non gli dai importanza, ti disprezza e non gli dai importanza. Fino a quando dalla violenza psicologica non arriva alla violenza fisica. Qualsiasi discussione con o senza aggressione era colpa mia. Ero io a portarlo a compiere quegli atti. Me lo diceva sempre. Lui era la vittima e a chiedere scusa ero io. Chiedevo scusa per averlo fatto arrabbiare. Pensi che sei la persona peggiore del mondo. Tutti sono meglio di te.

Lui ripeteva sempre anche questo.

Pensavo di non farcela. Era un incubo ad occhi aperti, il peggior horror mai visto. Era la mia vita.

Stavo diventando pazza, mi sentivo pazza. No

n mi fidavo di nessuno e di niente, avevo paura della mia stessa ombra. Avevo perso il controllo della mia vita. Non avevo autostima, solo sensi di colpa.

Provavo vergogna. Ero come paralizzata, incapace di reagire. Mi sentivo responsabile di tutto. Devo uscire da qui, devo uscire da questo incubo. MA COME? Lo ripetevo sempre ogni giorno in quei 6 anni non ho fatto altro che ripetermi che sarei dovuta andare via, che mi sarei dovuta riprendere la mia vita. Non avevo idea di come poter fare.

Non trovai la forza di uscirne fino a quando non toccai il fondo e vidi che la mia autostima, che il mio senso di vivere stava scomparendo. Stavo nel fondo di un pozzo. Dovevo uscire da quel pozzo, la mia relazione.

Ho provato veramente paura quando trovai il coraggio di andar via, perché in quel momento iniziarono le minacce. Lui conosceva i miei orari, sapeva dove abitavo, sapeva tutto. Non voleva che io vivessi la mia vita, non voleva che io vivessi. Dovetti andare per un periodo fuori, fuori da tutto, fuori da lui.

Pensavo di non farcela. Era un incubo ad occhi aperti, il peggior horror mai visto. Era la mia vita.

Loro sono stati la mia salvezza, mi hanno dato la scala per poter uscire dal pozzo. Mi hanno permesso di vedere la luce. Mi costò molto, lui continuava a non darmi pace.

Ma poi i giorni passavano e lui perdeva sempre più potere su di me.

Ed è arrivato il momento in cui mi resi conto che la vita è bella e che merito di viverla. Ogni cosa ha il suo tempo e recuperare ciò che lui mi ha tolto -amici, lavoro, autostima, sicurezza- è costato tanto tempo, è servita tanta forza. Il tempo è ciò che cura realmente, non passa in un mese o più.. Ma si ha bisogno di tempo, tanta pazienza e tanta forza di volontà per poter andare avanti, per continuare a vivere.

Mi è costato molto, tornare a fidarmi delle persone è stato difficile. E ci sono ancora dei segni che tardano a cicatrizzarsi, e ci saranno sempre. Quelli non andranno mai via. Ma io sono orgogliosa di me e di quello che ho conseguito e che a poco a poco continuo a conseguire. Lui ha sempre detto di amarmi, ma come si fa ad amare una persona e a farle del male ?! Non è amore, non può essere amore. Non esiste amore che sia collegato a nessun tipo di violenza.

Impariamo ad amarci. Impariamo a non permettere a nessuno di controllare noi stesse, la nostra vita. Impariamo a lottare per noi stesse e per la nostra vita.

Questo è amore.

Se ti è piaciuto ” puoi mettere mi piace e/o lasciare un commento? https://flavorchris.wordpress.com/2020/07/08/violenza-e-stupro-tutta-questione-di-stereotipi/

Visita anceh il sito: https://www.inbilnostroblog.com/